CORSO RESIDENZIALE – Modulo 11

0(0 Ratings)
Livello del corso:Intermedio
Categories presenza

Atrofie estreme

IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA, PTERIGOIDEA E NASALE


Obiettivo Formativo

Nonostante gli sviluppi dell’implantologia tradizionale ed i progressi della chirurgia rigenerativa, resta ancora un ambito, in verità, non tanto ristretto, in cui è complesso raggiungere una sicura e predicibile riabilitazione implanto-protesica con modalità e tempi ragionevoli. Esiste, ormai, una nuova generazione di pazienti con gravissime atrofie ossee, secondarie a terapie inadeguate o sfortunate condizioni anatomo-biologiche, con i quali i seppur collaudatissimi protocolli tradizionali non è possibile assicura il sufficiente comfort chirurgico o tempi biologici di attesa socialmente sostenibili. L’utilizzo di approcci non tradizionali o di ancoraggi extraorali, in mani esperte, permette di fornire, invece, dei supporti implantari affidabili che consentano una protesizzazione non dissimile da quella tradizionale, sia esteticamente che funzionalmente e, soprattutto, con ottima predicibilità e tempi biologici anche da carico immediato.
L’implantologia zigomatica, pterigoidea e nasale ha una storia pluridecennale ed ha raggiunto livelli di affidabilità uguali o addirittura superiori a quelli dell’implantologia tradizionale. Richiede, però, profonde e sicure conoscenze anatomiche che spesso non fanno parte del professionista che routinariamente si occupa di implanto-protesi. Il fine del Modulo 11 è fornire al professionista che già pratica implantologia sia le basi culturali che l’esperienza clinica per poter programmare ed eseguire casi di riabilitazione implanto-protesica più complessi, utilizzando appoggi non tradizionali.

Competenze Acquisite

Alla fine del Modulo 1, il professionista è in grado di utilizzare le più avanzate metodiche di imaging e, grazie ad esse, individuare le danger zone della propria area anatomica di competenza, scegliendo così l’approccio chirurgico più sicuro ed efficace. Sono acquisite le nozioni necessarie per l’allestimento di una sala operatoria per chirurgia orale ed implantare.

Informazioni sul corso:

Il fine del Modulo 11 è fornire al professionista che già pratica implantologia sia le basi culturali che l’esperienza clinica per poter programmare ed eseguire casi di riabilitazione implanto-protesica più complessi, utilizzando appoggi non tradizionali.
Show More

Competenze Acquisite

  • Conoscenza profonda dell’anatomia “di confine” del cavo orale.
  • Capacità di eseguire interventi di chirurgia implantare zigomatica, pterigoidea e nasale.

Curriculum del Corso

Giorno 1
Anatomia chirurgica dei mascellari e del massiccio facciale: punti di repere e danger zone. Indicazioni e tecnica chirurgica in implantologia zigomatica, pterigoidea e nasale. Gestione delle complicanze intra-operatorie e post-operatorie. Analisi del caso clinico, programmazione ed esecuzione del trattamento chirurgico con implantologia zigomatica, pterigoidea e/o nasale.

  • 8.30-9.00
  • 9.00-10.00
  • 10.00-12.00
  • 12.00-13.00
  • 13.00-14.00
  • 14.00-18.00

Giorno 2
Analisi del caso clinico, programmazione ed esecuzione del trattamento chirurgico con implantologia zigomatica, pterigoidea e/o nasale. Protocolli implanto-protesici con supporto zigomatico, pterigoideo e/o nasale.

Recensioni degli studenti

Ancora nessuna recensione
Ancora nessuna recensione
1,900.00

Curriculum del Corso

Giorno 1
Anatomia chirurgica dei mascellari e del massiccio facciale: punti di repere e danger zone. Indicazioni e tecnica chirurgica in implantologia zigomatica, pterigoidea e nasale. Gestione delle complicanze intra-operatorie e post-operatorie. Analisi del caso clinico, programmazione ed esecuzione del trattamento chirurgico con implantologia zigomatica, pterigoidea e/o nasale.

  • 8.30-9.00
  • 9.00-10.00
  • 10.00-12.00
  • 12.00-13.00
  • 13.00-14.00
  • 14.00-18.00

Giorno 2
Analisi del caso clinico, programmazione ed esecuzione del trattamento chirurgico con implantologia zigomatica, pterigoidea e/o nasale. Protocolli implanto-protesici con supporto zigomatico, pterigoideo e/o nasale.

1,900.00
1,900.00

Cosa imparerò:

  • Conoscenza profonda dell’anatomia “di confine” del cavo orale.
  • Capacità di eseguire interventi di chirurgia implantare zigomatica, pterigoidea e nasale.

Atrofie estreme

IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA, PTERIGOIDEA E NASALE


Obiettivo Formativo

Nonostante gli sviluppi dell’implantologia tradizionale ed i progressi della chirurgia rigenerativa, resta ancora un ambito, in verità, non tanto ristretto, in cui è complesso raggiungere una sicura e predicibile riabilitazione implanto-protesica con modalità e tempi ragionevoli. Esiste, ormai, una nuova generazione di pazienti con gravissime atrofie ossee, secondarie a terapie inadeguate o sfortunate condizioni anatomo-biologiche, con i quali i seppur collaudatissimi protocolli tradizionali non è possibile assicura il sufficiente comfort chirurgico o tempi biologici di attesa socialmente sostenibili. L’utilizzo di approcci non tradizionali o di ancoraggi extraorali, in mani esperte, permette di fornire, invece, dei supporti implantari affidabili che consentano una protesizzazione non dissimile da quella tradizionale, sia esteticamente che funzionalmente e, soprattutto, con ottima predicibilità e tempi biologici anche da carico immediato.
L’implantologia zigomatica, pterigoidea e nasale ha una storia pluridecennale ed ha raggiunto livelli di affidabilità uguali o addirittura superiori a quelli dell’implantologia tradizionale. Richiede, però, profonde e sicure conoscenze anatomiche che spesso non fanno parte del professionista che routinariamente si occupa di implanto-protesi. Il fine del Modulo 11 è fornire al professionista che già pratica implantologia sia le basi culturali che l’esperienza clinica per poter programmare ed eseguire casi di riabilitazione implanto-protesica più complessi, utilizzando appoggi non tradizionali.

Competenze Acquisite

Alla fine del Modulo 1, il professionista è in grado di utilizzare le più avanzate metodiche di imaging e, grazie ad esse, individuare le danger zone della propria area anatomica di competenza, scegliendo così l’approccio chirurgico più sicuro ed efficace. Sono acquisite le nozioni necessarie per l’allestimento di una sala operatoria per chirurgia orale ed implantare.