CORSO RESIDENZIALE – Modulo 4

0(0 Ratings)
Livello del corso:Intermedio
Categories presenza

Corso teorico-pratico

CHIRURGIA PERIMPLANTARE DEI TESSUTI DURI (GBR)


Obiettivo Formativo

Lo sviluppo delle tecniche implantari ha consentito di affrontare e risolvere casi sempre più complessi. Sono numerose, però, le situazioni cliniche che richiedono metodiche chirurgiche perimplantari additive. Riassorbimenti ossei irregolari, elementi dentari “preservati” a discapito di qualsiasi criterio parodontale, edentulie “antiche” ed altro spesso residuano in irregolarità ossee che compromettono sia la stabilità implantare che l’estetica implanto-protesica. Rigenerazioni ossee guidate (GBR) sono, pertanto, un accessorio della chirurgia implantare quasi quotidiano e, a meno che non si tratti di volumi considerevoli, devono necessariamente far parte del bagaglio di conoscenze del professionista che si occupa routinariamente di implanto-protesi.
Il Modulo 4 è articolato in due dense giornate teorico-pratiche con esercitazioni su modelli e chirurgia live.

Competenze Acquisite

Alla fine del Modulo 1, il professionista è in grado di utilizzare le più avanzate metodiche di imaging e, grazie ad esse, individuare le danger zone della propria area anatomica di competenza, scegliendo così l’approccio chirurgico più sicuro ed efficace. Sono acquisite le nozioni necessarie per l’allestimento di una sala operatoria per chirurgia orale ed implantare.

Informazioni sul corso:

Riassorbimenti ossei irregolari, elementi dentari “preservati” a discapito di qualsiasi criterio parodontale, edentulie “antiche” ed altro spesso residuano in irregolarità ossee che compromettono sia la stabilità implantare che l’estetica implanto-protesica. Rigenerazioni ossee guidate (GBR) sono, pertanto, un accessorio della chirurgia implantare quasi quotidiano e, a meno che non si tratti di volumi considerevoli, devono necessariamente far parte del bagaglio di conoscenze del professionista che si occupa routinariamente di implanto-protesi
Show More

Competenze Acquisite

  • Corretto inquadramento dei diversi difetti ossei (perimplantari e non) e conoscenza della predicibilità di risultato.
  • Conoscenza delle diverse metodiche di GBR e dei diversi materiali da innesto (caratteristiche fisiche e biologiche dei materiali di riempimento e dei materiali di copertura).
  • Esecuzione di intervento di GBR per volumi anche di medie dimensioni con metodica corretta e pulita.
  • Conoscenza e gestione della fase post-operatoria in chirurgia rigenerativa ed integrazione della stessa in un più ampio protocollo implanto-protesico riabilitativo immediato.
  • Conoscenza delle principali tecniche adiuvanti la GBR (per es. emocomponenti).

Curriculum del Corso

4.1.0
Registrazione ed introduzione. Biologia della guarigione ossea e classificazione dei difetti ossei. Principi di GBR: materiali e tecniche chirurgiche. Lunch break. Esercitazioni pratiche su modelli anatomici. Chirurgia live.

  • 8.30-9.00 – Registrazione ed introduzione.
  • 9.00-11.00 – Biologia della guarigione ossea e classificazione dei difetti ossei.
  • 11.00-12.00 – Principi di GBR: materiali e tecniche chirurgiche.
  • 13.00-14.00 – Lunch break
  • 14.00-18.00 14.00-18.00 – Esercitazioni pratiche su modelli anatomici. Chirurgia live.

4.2.0
GBR perimplantare: principi e tecniche chirurgiche. Tecniche adiuvanti la guarigione ossea: gli emocomponenti. Lunch break. Esercitazioni pratiche su modelli anatomici. Chirurgia live.

Recensioni degli studenti

Ancora nessuna recensione
Ancora nessuna recensione
950.00

Curriculum del Corso

4.1.0
Registrazione ed introduzione. Biologia della guarigione ossea e classificazione dei difetti ossei. Principi di GBR: materiali e tecniche chirurgiche. Lunch break. Esercitazioni pratiche su modelli anatomici. Chirurgia live.

  • 8.30-9.00 – Registrazione ed introduzione.
  • 9.00-11.00 – Biologia della guarigione ossea e classificazione dei difetti ossei.
  • 11.00-12.00 – Principi di GBR: materiali e tecniche chirurgiche.
  • 13.00-14.00 – Lunch break
  • 14.00-18.00 14.00-18.00 – Esercitazioni pratiche su modelli anatomici. Chirurgia live.

4.2.0
GBR perimplantare: principi e tecniche chirurgiche. Tecniche adiuvanti la guarigione ossea: gli emocomponenti. Lunch break. Esercitazioni pratiche su modelli anatomici. Chirurgia live.

950.00
950.00

Cosa imparerò:

  • Corretto inquadramento dei diversi difetti ossei (perimplantari e non) e conoscenza della predicibilità di risultato.
  • Conoscenza delle diverse metodiche di GBR e dei diversi materiali da innesto (caratteristiche fisiche e biologiche dei materiali di riempimento e dei materiali di copertura).
  • Esecuzione di intervento di GBR per volumi anche di medie dimensioni con metodica corretta e pulita.
  • Conoscenza e gestione della fase post-operatoria in chirurgia rigenerativa ed integrazione della stessa in un più ampio protocollo implanto-protesico riabilitativo immediato.
  • Conoscenza delle principali tecniche adiuvanti la GBR (per es. emocomponenti).

Corso teorico-pratico

CHIRURGIA PERIMPLANTARE DEI TESSUTI DURI (GBR)


Obiettivo Formativo

Lo sviluppo delle tecniche implantari ha consentito di affrontare e risolvere casi sempre più complessi. Sono numerose, però, le situazioni cliniche che richiedono metodiche chirurgiche perimplantari additive. Riassorbimenti ossei irregolari, elementi dentari “preservati” a discapito di qualsiasi criterio parodontale, edentulie “antiche” ed altro spesso residuano in irregolarità ossee che compromettono sia la stabilità implantare che l’estetica implanto-protesica. Rigenerazioni ossee guidate (GBR) sono, pertanto, un accessorio della chirurgia implantare quasi quotidiano e, a meno che non si tratti di volumi considerevoli, devono necessariamente far parte del bagaglio di conoscenze del professionista che si occupa routinariamente di implanto-protesi.
Il Modulo 4 è articolato in due dense giornate teorico-pratiche con esercitazioni su modelli e chirurgia live.

Competenze Acquisite

Alla fine del Modulo 1, il professionista è in grado di utilizzare le più avanzate metodiche di imaging e, grazie ad esse, individuare le danger zone della propria area anatomica di competenza, scegliendo così l’approccio chirurgico più sicuro ed efficace. Sono acquisite le nozioni necessarie per l’allestimento di una sala operatoria per chirurgia orale ed implantare.